Home

youbiquity

 Youbiquity Moltitudini Connesse  presenta un progetto di Teatro Rebis

Defigura 2014 STAMPA fronte

Che cos’è l’esegesi?, s’interroga Georges Didi-Huberman, etimologicamente, è l’atto di condurre fuori da…

Condurre fuori l’immagine dalla figura, il silenzio dai segni, l’esterno dall’interno e viceversa.

Intuire e decifrare gli indizi che segnalano il vacillare di un sostrato mistico, di una vena nascosta nella vocazione umana all’alto e all’altro.

E’ intrico di prospettive, ferita del senso, è poetica generatrice di enigmi, il cui oggetto è il mistero.

Defigura non è un festival, è sospensione di tempo dedicata all’esegesi, è bolla di pensiero, esperimento senza verità, è tentativo pindarico di somigliare al dissimile, di dire il non-dire, di esplorare il fantasma della poesia in voce e materia.

Defigura non è per molti, è per tutti, per quella parte di noi che sa cosa tace.

Andrea Fazzini

Teatro Rebis

Defigura_la vena nascosta

Macerata_2/11 ottobre 2014

Labbro sapeva/ Labbro sa/ Labbro lo…

View original post 216 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...